Condividi

Segno Italiano Artigianalità, design, preziosità dei materiali e voglia di sperimentazione. Sono questi i quattro elementi che descrivono al meglio Segno Italiano, un’agenzia che ha come obiettivo quello di dare visibilità alle opere di alto artigianato italiano nel mondo. Segno Italiano  lavora come agente nel variegato mondo delle piccole botteghe e artigiani, offrendo loro un supporto globale che valorizzi la loro artigianalità, esattamente come ci si aspetterebbe per delle creazioni custom made.

La storia di Segno ItalianoSEGNO ITALIANO tavola

La nascita di Segno Italiano è molto recente, ma il loro successo è solo destinato a crescere. Nato dall’idea di un gruppo di giovani designer appassionati di arredamento Made in Italy, il network Segno Italiano  vuole combattere la tendenza di tutti quegli italiani migranti all’estero, permettendo loro di “rimanere” e avere la giusta visibilità mediante la vendita a privati, gallerie d’arte e collezionisti privati.

Parola d’ordine: sperimentazione

Alla base della filosofia di Segno Italiano  c’è la sperimentazione: nei materiali, con gli arredi, con le nuove tendenze. Le proposte di Segno Italiano  partono tutte da un’immagine domestica, per poi declinarsi in collezioni più ampie, ognuna di esse dedicate ad uno specifico tema o stile. Le idee (e i prodotti) sono l’ispirazione per prodotti che vengono rivisitati in base alle tendenze del momento e le richieste dei clienti. Gusto contemporaneo che abbraccia i classicismi del made in Italy, per sorprendere e arricchire la casa con un tocco di artigianalità unica.

SEGNO ITALIANO tovagliaMultimedialità e tradizione

L’aspetto certamente interessante di Segno Italiano è quello di raccontare, oltre che il prodotto, la sua genesi. Il tutto, grazie a video e contenuti fotografici volti a raccontare l’ispirazione di un oggetto, la lavorazione e le curiosità più bizzarre, direttamente dalla bocca degli artigiani. Un esempio di questa grande attenzione verso la multimedialità è il rilancio della poltrona Tigullina, in serie limitata. Dopo oltre 50 anni e grazie alla collaborazione di Giannina e Luisella Sanguineti (che hanno messo a disposizione i disegni originali ereditati da Colombo Sanguineti e alla sapienza degli ultimi artigiani della sedia di Chiavari), la poltrona è stata riprodotta in chiave contemporanea, senza andassero perdute le caratteristiche originali. Le stesse che, nel 1956, permisero all’azienda Sanguineti GB&Figlio di ricevere una menzione d’onore al premio Compasso d’ Oro, 2 anni prima dell’ottenimento del brevetto.

La valorizzazione dell’artigianalità italiana

La secolare esperienza dei maestri vetrai toscani, l’antica passione per la ceramica che ha contraddistinto la manifattura Franchini fin dal settecento, i segreti della lavorazione del rame custoditi dalla bottega dei ramaioli Tridentini, questi sono solo pochi esempi di lavorazioni artigiane, piccole nelle dimensioni, ma grandi nella maestria della lavorazione, che riescono ad uscire che riescono a proporsi sul mercato globale grazie a Segno Italiano, promotore a livello internazionale della cultura del prodotto artigianale.

 

Offerte che iniziano oggi

Offerte in arrivo