Sala da pranzo in arte povera

Sala da pranzo in arte povera

Condividi

PARLANO DI NOI
Vuoi saperne di più? Leggi i nostri consigli

Sala da pranzo in arte povera:scopri di più su Dalani

Gli amanti della semplicità applicata al buon gusto, del naturale e dell’essenziale arredano una sala da pranzo in arte povera.

SALA DA PRANZO IN ARTE POVERA

sala da pranzo arte povera

Lo stile arte povera nasce in Italia negli anni Sessanta con l’intento di ridare un valore all’arte riportandola alla sua semplicità. Alla modernità contrappone la naturalezza in tutti i suoi elementi, a partire dai mobili in legno. Ogni oggetto di una stanza arredata in arte povera racconta una storia, ha un “vissuto” personale che viene mostrato. Sempre più persone scelgono di arredare la sala da pranzo in arte povera, per conferire un aspetto genuino e tradizionale all’ambiente più importante della casa dove si riunisce la famiglia e si è soliti festeggiare gli appuntamenti importanti.

Iniziate ad arredare la sala da pranzo con un tavolo allungabile e sedie imbottite in legno (preferibilmente frassino o ciliegio). Il legno massiccio usato anche nello stile rustico e nell’arredamento  della tavernetta dà una sensazione di solidità unica e hanno una qualità impareggiabile. La sala da pranzo in arte povera sono costruite con semplicità  e i mobili vengono “abbelliti” da decorazioni e da intarsi artigianali. Le sedie possono anche essere in paglia. La credenza è un must have per un arredamento in questo stile così come un armadietto a specchio con vetrinetta. I pensili su cui appoggiare vasi e utensili da cucina sono anch’essi pregiati “pezzi” di artigianato.

SALA DA PRANZO IN ARTE POVERA: LA CREDENZA

La credenza è l’elemento che definisce lo stile di arredamento di una sala da pranzo. Per una sala da pranzo in arte povera scegliete un mobile vintage che abbia un aspetto semplice, a tratti minimalista: è in questo particolare che risiede la sua bellezza. Realizzate in legno massiccio, queste credenze possono durare molto a lungo grazie ai materiali in cui sono composte. Le imperfezioni sono il tocco magico per questi mobili: sono proprio i loro difetti, i graffi, i segni del tempo passato a rendere speciale. La particolarità della credenza in arte povera è che può essere inserita in un contesto con mobili dallo stile diverso, con complementi d’arredo e accessori più moderni.

SALA DA PRANZO IN ARTE POVERA: IL TAVOLO

La tavola di una sala da pranzo in arte povera è molto curata nei dettagli. Un tavolo allungabile è una delle scelte migliori per arredare la sala da pranzo. Non sono ingombranti e sono utilissimi quando ci si trova a che fare con spazi molto ridotti: ovviamente anche in questo caso il materiale “preferito” è il legno massello. Il tavolo deve essere molto spazioso e garantire il massimo del comfort a chi si siede. La mise en place della sala da pranzo in arte povera è anch’essa molto semplice, con pochi essenziali elementi ma dall’estetica spiccata. Piatti e posati sono in porcellana e sono messi in bella mostra nella credenza così come le pentole in rame appese alle pareti.

Offerte in arrivo