Design tra classico e moderno: questione di mix

La facciata della casa è ingannevole, come spesso accade a Berlino. Poi la porta si apre, e scopri un mondo tutto nuovo, composto da vere e proprie meraviglie. La casa di Thorsten Berger – stylist e esperto di moda e bellezza che lavora tra Berlino e Monaco di Baviera – riflette del tutto lo spirito del proprietario: esteta. Un modo di essere che si racconta in tutti i 150 mq del suo appartamento di Berlino, nel quartiere Mitte.

La sua sensibilità per lo stile si manifesta nell’amore per i mobili e i colori. Anche il piccolo cane Fritz sembra essere frutto di questa cura: è talmente bello che sembra parte integrante dell’arredo. Nel tempo libero, Thorsten è un vero e proprio cacciatore di tesori: cercare su internet pezzi e accessori per la sua casa –in perfetto vintage style – è la sua passione. Ed proprio grazie a questo hobby che nel suo appartamento si respira qualcosa di magico. Si notano un’antica credenza recuperata all’Ambasciata Americana a Berlino, un divano in stile Bauhaus degli anni ’30 o dei tavolini dell’epoca, in marmo, che sono posizionati in salotto. Per Thorsten è fondamentale che la sua casa si componga di un mix di pezzi antichi che sappiano dialogare con le linee moderne degli arredi più contemporanei.

L’idea di come sarebbe stata la casa si è formata prima nella sua testa: per la sala da pranzo e il soggiorno, ha voluto riproporre l’atmosfera magica del Salone di Berlino, ed è proprio in questa parte della casa che, assieme al suo compagno Stefan, accoglie amici e parenti per cene e momenti di convivialità. Nel soggiorno sono presenti mobili color caramello facilmente trasportabili in un’altra stanza, in base alla necessità. “La poltrona che c’è in salotto può facilmente essere spostata per dare più spazio agli ospiti, se sono più di due o tre”, ci racconta Thorsten (2).

2-berlino-divano

Berlino Style

Particolarmente elegante è il tono caldo del tessuto del divano, abbinato sapientemente al tavolino in palissandro. Per i colori come il caramello, nero e marrone Thorsten ha voluto accenti metallici – vedi l’ottone delle gambe del tavolo e gli aironi decorativi: “Questa scelta armonizza i tessuti con il resto degli arredi, ed è certamente meno invasiva dell’oro”(3). Un altro tocco per ravvivare l’ambiente? Le lampade dal motivo geometrico e il colore vivace.

Sopra la poltrona del salotto, sono esposti degli schizzi del pittore e scultore tedesco Georg Baselitz. L’arte è parte integrante della vita (e della casa) di Thorsten: “Ogni volta che faccio visita alla Galleria Weekend di Berlino scopro sempre nuovi talenti. Uno degli ultimi è Radu Belcin, di cui ho già acquistato 2 pezzi”.

3-berlino-lampada

La cassettiera antica è un cimelio di famiglia che Thorsten ha trasformato nel suo piano bar. Diversi tipi di gin sono disposti su bottiglie e bicchieri di cristallo. “Spesso gli amici arrivano improvvisamente e dopo cena. E’ segno di bon ton poter offrire loro un drink da sorseggiare in salotto”, dice Thorsten (4).

4-berlino-como

Il delicato colore della parete “Oxford Stone” di Farrow & Ball dà alla sala da pranzo una bellissima luce. Le sedie in vimini realizzate da Marcel Breuer per Thonet – e che Thorsten ha raccolto insieme nel corso degli anni – evocano un’atmosfera classica che è comunque movimentata da un tappeto in bianco e nero con motivo grafico. Non mancano poi i fiori freschi: le peonie sono quasi sempre sul tavolo e, quando sono disponibili, sono sostituite esclusivamente da fiori bianchi.

5-Berlino-fiori

Sul ripiano ci sono diversi dipinti di nudo di Winston Torr, sistemati attentamente su scaffali che raccolgono libri di architettura, arte e moda, che Thorsten ama collezionare. Uno stormo di pappagalli in porcellana di KPM, raccolti in diversi mercatini delle pulci, osservano, nel frattempo, quel che accade in soggiorno (7).

6-Berlino-statue

Un’altra passione di Thorsten sono i vasi bianchi che ha sistemato in salotto su un tavolo nero dalle linee minimal (8). L’effetto finale è sorprendente: lo spazio diventa ancora più dinamico grazie alle diverse altezze degli oggetti. Anche in cucina c’è la sensazione di trovarsi in un’altra epoca. Oltre ad un appendiabiti in stile Bauhaus, la grande cucina attrezzata è sapientemente mixata con mobili d’epoca degli anni settanta (9).

7-berlino-vitra
8-Berlino-cucina

Nella camera da letto di Thorsten vige la semplicità. I colori tenui e le linee semplici dei mobili riflettono quel senso di relax che è proprio di una stanza così intima. Il comodino e comò appartenevano alla sua bisnonna e provengono dalla camera da letto della sua antica casa in Baviera. Sul comodino sono sistemati dei gigli, mentre sul comò Thorsten preferisce delle rose bianche e una cornice in cui è presente un’opera dell’illustratore Kera, di cui Thorsten è l’agente. Quello che non manca mai accanto al letto sono una candela profumata, l’incenso di Fornasetti e, per ultimo, ma non per importanza, il design: in un angolo c’è la famosa poltrona Eames Plastic di Vitra (10-11-12).

9-berlino-comodino
10-Berlino-fornasetti

Il suo bagno, che si trova accanto alla camera da letto, ricorda una boutique di profumi: disposti ad arte, le sue fragranze preferite, tra tutte “Grey Flannel” di Geoffrey Beene, e creazioni di Hermes, Tom Ford, Balmain, 4711, o il set da barba (13).

11

Con il suo raffinato senso della bellezza, Thorsten è riuscito a far coesistere classico e moderno, creando un ambiente rilassante, discreto e versatile per ogni occasione. Un vero paradiso per gli amanti dell’home&living.

Testo originale: Teresa Mayer / Traduzione e adattamento: Pasquale Strati
Foto: Westwing 2014

Pasquale Strati

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App