A casa di Aldo Cibic - Il design? Pura emozione

Liberarsi dal conformismo e dalla mediocrità che pervade la vita quotidiana attraverso il design. Fin dagli esordi, Aldo Cibic si è imposto come un potente innovatore. Designer, architetto, intellettuale dedito all’osservazione delle dinamiche sociali contemporanee, è stato il pupillo di Ettore Sottsass, dal quale si distacca professionalmente alla fine degli anni ottanta scegliendo non solo la progettazione di oggetti per la casa, ma affiancando ad essa lo sviluppo di un canale per la vendita. Una strategia che porta uno dei creativi più complessi del panorama internazionale ad anticipare di parecchi anni l’idea del designer-imprenditore. Dalani è andato a trovarlo nella sua casa di Vicenza, per vedere come vive e da dove nascono le idee del più anticonformista creatore di favole.

Aldo Cibic, Casa, Design, Progetto, Cucina

A casa del Design

Un ingresso in punta di piedi, il nostro, all’interno di un ambiente in cui ogni elemento racconta la passione e l’ingegno di un artista che sembra trarre ispirazione da qualunque stimolo intorno a lui, in un flusso continuo in cui la parola chiave è comunicazione. D’altronde, come Cibic ha spesso sottolineato, su qualsiasi scala di progetto si esprima il suo lavoro, questo indaga l’anima dell’opera, ricercando quell’alchimia che suscita una suggestione, un senso di appartenenza, nuovi stimoli comunicativi e inedite forme di socialità.

Dalani-aldo-cibic-3

La cucina creativa di Aldo Cibic

E nel vederlo tanto immerso nel suo lavoro, un senso di reverenziale soggezione ci pervade, quasi nel timore di interrompere un rito creativo compiuto attraverso la semplicità tradizionale di una penna e un diario. E proprio il legame con la tradizione si manifesta nella scelta di quello che è stato istintivamente eletto luogo di lavoro, nelle occasioni non formali: la cucina.

Aldo Cibic, Casa, Design, Progetto, Cucina

Una scelta che trova un senso compiuto in quella che è la filosofia living che l’architetto stesso ci racconta: “Una delle sfide più difficili nell’arredare una casa è quella di riuscire a dare un senso agli spazi. Non è un problema di stile o design, è una questione di istinto. Proprio come accade per gli animali: non si mettono mai in un posto a caso, optano per quello in cui si sentono maggiormente a proprio agio. Per me è lo stesso: la casa perfetta si compone di tanti piccoli spazi che mi facciano sentire così“.

Aldo Cibic, Casa, Design, Progetto, Cucina

Una palette di tonalità naturali sulle venature del legno, riscaldata dalle cromie intense e profonde, tipicamente italiane, dei tessuti abbinati. In tale contesto, una forte componente espositiva diventa parte integrante dell’ambiente, nell’ordine-non ordine della disposizione di libri, piatti e bicchieri. Totalmente immersa nell’economia della sala, la magnifica lavastoviglie in pietra, vero fiore all’occhiello nella cucina ispirato al mondo cartooniano di The Flintstones, sul quale spicca l’incisione di un peperoncino. Un materiale, la pietra, con il quale il designer ha spesso lavorato, contrapponendo alla monumentalità dell’elemento la componente “vivente” di piante e alberi. La cucina come luogo di lavoro è affiancata a pari merito dalla preferenza per il piano forte e la camera da letto.

Camera Rustic Style

La camera da letto rappresenta sicuramente uno dei cuori pulsanti nella vita creativa di Aldo Cibic. Il grande letto matrimoniale è ottenuto da un divano letto i cui braccioli costituiscono un irrinunciabile supporto fisico durante l’atto di disegno e scrittura vero e proprio, o semplicemente nei momenti di relax. La composizione degli elementi racconta un caldo stile rustico, accesso dal candore del copriletto e dei cuscini, in opposizione alle cromie pastello dei libri sistemati sullo scaffale a ponte.

Varietà living

La zona living è una perfetta somma del pensiero del designer: “Ciò che mi interessa è creare varietà, che è la vera gioia della vita. Non si può pensare di coordinare ogni singolo elemento a ciò che lo circonda. Si devono trovare quei quattro o cinque oggetti che vadano a rappresentare la propria identità. Un tavolo molto semplice ma dai colori particolari, le teste di elefante, quel tavolino piccolo che è sempre necessario, ma con finiture particolari. E ancora, le lampade in ceramica, con smalti e tessuti scelti per i paralumi molto italiani, per la profondità e l’intensità dei colori”.

E a proposito di luce, qual è il suo ruolo all’interno della casa?

Il rapporto tra la luce diurna-naturale e quella notturna prevede una illuminazione morbida, tanto di giorno quanto di sera“. Come fare la scelta giusta? Aldo Cibic consiglia di dare spazio ad una molteplicità di luci, assecondando la variazione e la differenziazione. E’ anche importante assecondare le specifiche attività alle quali queste sono destinate. La luce, come elemento primario, deve essere slegata dalle velleità estetiche e decorative. I punti illuminanti devono essere utilizzati solo dove strettamente necessario. L’importante è creare emozioni, sia di giorno che di sera.

Aldo Cibic, Casa, Design, Progetto, Cucina

Progetto e design da vivere

Il problema di molte case, che da sempre mi affascina, è spesso quello del come addomesticarle. Mentre altre volte si è trattato per me di un percorso lungo e difficile, in questo caso tutto è avvenuto molto rapidamente. Ogni pezzo è sembrato adattarsi immediatamente all’ambiente circostante e il risultato è stato assolutamente di grande calore. In generale, un posto deve essere vivibile, bisogna considerare quante persone lo abiteranno e quali sono i loro caratteri e le loro personalità. E’ necessario partire da una progettualità sensibile, che nasca da diversi saperi combinati tra loro”. Di certo, il pregio e l’originalità dei dettagli aiutano molto. Ve lo raccontiamo in una gallery dal design tutto da sfogliare:

Buy Aldo Cibic

In perfetto equilibrio tra creatività e imprenditorialità, Buy Aldo Cibic è  una delle ultime fatiche dell’architetto. I prodotti, ideati dal designer, sono realizzati con grande maestria da abili artigiani, mentre le vendite on-line li rendono direttamente accessibili a tutto il mondo. “Ho scelto il nome Buy Aldo Cibic per giocare con l’assonanza tra le parole By, cioè “fatto da”, e Buy, ovvero “comprare”, anche per alleggerirne il significato. Lo scopo era quindi quello di dare una connotazione di minore ufficialità al concetto della realizzazione e, allo stesso tempo, informare eventuali compratori della possibilità di acquistare le mie opere. La scelta è ovviamente ricaduta su una sapienza artigiana tutta italiana“.

La collezione comprende oggetti di tutti i tipi, dalle lampade ai divani, dagli accessori alle vetrine. Esemplari che, sulla base di uno stile caldo e funzionale, possano contribuire a creare un ambiente contemporaneo il più confortevole possibile. Un sogno che, come in ogni favola che si rispetti, si è tramutato in una emozionante realtà, al semplice suono della parola “design”!

Il design di Aldo Cibic per Dalani

Aldo Cibic e Dalani. Una collaborazione che nasce da un incontro, quello tra il genio creativo del design e la grande passione per l’Home & Living. Ecco l’intervista esclusiva all’iconico architetto:

 

Intervista: Margot Zanni / Testo: Alessandro Balia / Foto: Francesco Romeo per Dalani /Regia e montaggio video: Leonardo Gasparotto – Direttore della fotografia: Salvatore Anversa

 

Alessandro Balia

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App