Segreto di un successo: Flos

Tra architetti di giardini è usata un’espressione poetica per definire i percorsi spontanei nati dal calpestìo dei passi dei viandanti: “Desire Lines”, linee del desiderio.  Non sono i classici vialetti progettati per impreziosire il verde ma stradine sconnesse, a volte poco più che indistinte impronte sul tappeto erboso. Quelle tracce non sono altro che linee del desiderio, le traiettorie dei sogni delle persone. Sono strade spontanee e rassicuranti che conducono alla meta del percorso, vie d’accesso alla conoscenza del bello da raggiungere senza regole né imposizioni. Flos, non a caso dal latino “fiore”, è germogliata, cresciuta e sbocciata nel giardino dell’industria italiana con oggetti concepiti come vere e proprie linee del desiderio: idee e modi di illuminare, fonti e traiettorie di luce inconsuete e sorprendenti, nate lungo le imprevedibili strade del caso e dell’intuizione. E’ questo il segreto di un’azienda che ha scritto la storia del Made in Italy nel mondo.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto

Flosophy: un’idea di design

C’era una volta, alla fine degli anni ‘50 in un’Italia ancora devastata dalla guerra, chi voleva davvero intraprendere la traiettoria di un desiderio: Dino Gavina. Questo uomo credeva prima di tutto in un’idea, credeva che fosse giunto il momento di mettere l’Italia al centro del fermento culturale e che per fare questo bisognasse partire dall’ideazione di nuove forme per mobili e lampade. Invenzione al primo posto, ma da dove iniziare? Come aggiungere magia alla funzionalità della pura e semplice lampadina?

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto
®Cesare Colombo

I fratelli Castiglioni e Tobia Scarpa, stimolati da Gavina, si misero all’opera: nel 1962 l’azienda nasce come un piccolo laboratorio a Merano, luogo di sperimentazione di nuovi materiali e nuove ricerche estetiche e funzionali. Immediatamente Flos si impose nel panorama dell’illuminazione d’arredo non solo per le novità stilistiche subito popolari e apprezzatissime anche oltre confine, ma per l’introduzione di materiali che fino a quel momento non erano mai stati presi in considerazione, come ad esempio il cocoon, usato per l’imballaggio dall’Esercito Americano. Spruzzando la resina su un telaio metallico la luce filtrava attraverso una nuvola artificiale, nebulosa ma atmosferica.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto
©Piero Fasanotto

La linea del desiderio divenne la strada intrigante e misteriosa della sperimentazione in un Paese legato ancora a vecchie idee e superstizioni. Nella storia di Flos c’è la storia di un’Italia che risorge dalle macerie ricostruendosi un’identità forte e di carattere, un’Italia che ha saputo scrivere la storia partendo da un’idea e gettare le fondamenta di tutto ciò che oggi, comunemente, chiamiamo design. Con gli anni del boom economico, sotto la guida di Sergio Gandini e Cesare Cassina, nei cataloghi di Flos figurano già le lampade che resteranno le icone geniali di una bellezza intramontabile: l’Arco e la Toio dei Castiglioni e tutta la serie dei Cocoon. Cos’è in fondo un’idea? E’ un’epifania, un’opera dell’ingegno, la genesi della creazione. Ciò da cui tutto nasce e in cui tutto si completa. Niente altro che una lampadina che, improvvisamente, si accende tra i pensieri illuminando un’intuizione. Con Flos, da una semplice lampadina nasce l’idea di poter cambiare il modo degli italiani di vivere la propria casa.

Un arco tra luce e arte

Achille Castiglioni, anima creativa di Flos, diceva: “Cancellare, cancellare, cancellare e alla fine trovare una componente principale di progettazione. Mentre progettavamo eravamo contro l’invadenza del disegno, eravamo alla ricerca del tratto minimo che serviva alla funzione, volevamo arrivare a dire: meno di così non si può fare”. Sul foglio una traccia indelebile, una linea pura e geometricamente perfetta, un arco.  E’ sicuramente l’oggetto più iconico e più universalmente riconosciuto nel panorama dell’illuminazione, quello che si dice un classico intramontabile. Parliamo di Arco, la lampada progettata dai fratelli Castiglioni, in poco tempo diventata l’icona per eccellenza del design italiano nel mondo.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto

Arco è da sempre considerata la lampada più nota, innovativa e rappresentativa della filosofia di Flos. L’intuizione nasce dall’idea di illuminare dall’alto una zona giorno senza il vincolo dell’ancoraggio al soffitto e con la possibilità di essere spostata liberamente. Ispirata ai lampioni di strada, Arco proietta la sua luce fino a due metri dalla base. Questa intuizione permette di posizionare la base in marmo in un angolo del living e di portarne la luce direttamente sul tavolo da pranzo. E’ così che da un blocco di marmo di Carrara nasce uno stelo elegantemente arcuato, di lunghezza regolabile, che va assottigliandosi e che sboccia in un bulbo argenteo.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto
©living4media

E’ semplice lasciarsi corteggiare dalle linee essenziali eppur sofisticate dalla leggerezza estetica. Infatti, nonostante il peso di 65 Kg, la lampada può essere facilmente spostata grazie all’ingegnosa trovata dei Castiglioni: un foro sulla base in marmo permette l’inserimento di un bastone, all’occorrenza un doppio sostegno per il trasporto. Arco fa parte del catalogo Flos dal 1962 e, in tanti anni di produzione, l’unica modifica è stata a carico dell’impianto elettrico, per adeguarlo alle norme di sicurezza. Come ogni best seller che si rispetti ha ispirato molti designer che ne hanno imitato l’eleganza, tanto da meritarsi una tutela sul diritto d’autore al pari di un’opera d’arte, evento storico per il design industriale. Semplice ed essenziale, in equilibrio perfetto nella sua silhouette anni Sessanta, eppure così incredibilmente contemporanea e moderna, protagonista e affascinante in ogni ambiente. Cinquanta anni e non sentirli.

Segreto di un successo

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto

“Scriviamo il futuro, leggendo il nostro passato ed esprimendo l’oggi”. E’ questo filo diretto con il passato che decreta decennio dopo decennio il successo di Flos. Le opere che hanno scritto le pagine della storia del design mondiale sono tutt’oggi tra le più richieste del catalogo e, al tempo stesso, le più orientate al futuro. Non semplici prodotti, ma gioielli luminosi dal segreto senza tempo che hanno modellato forma e identità di un’azienda la quale, attraverso il loro spirito di icone, instancabile naviga verso nuovi e ancora ignoti orizzonti di design. Le lampade Flos sono oggetti eterni, non vintage e neanche retrò. Sono pezzi cult stampati a fuoco nella memoria collettiva, non cimeli di un tempo lontano ma archetipi di uno sperimentalismo stilistico inarrestabile. Il legame con il passato non viene mai superato per lasciare il posto all’innovazione, ogni idea è pura tensione verso l’eccellenza e la novità. Non a caso sin dalla sua preistoria Flos ha ricoperto la scomoda posizione, senza dubbio ambiziosa, di chi ha abituato il mercato alla produzione di sempre inediti oggetti d’invenzione. Ciò che è stato chiaro dagli albori è che in Italia si stava costruendo con semplicità, naturalezza, e non molti mezzi, una cultura del design diventata poi un modello di riferimento per tutto il mondo. Flos segue le tendenze moderne restando fedele al suo stile, senza mai cedere alla tentazione della moda effimera e fugace ma rivoluzionandola dal profondo e anticipandone le scelte stilistiche, senza farsi trovare impreparata. La luce di Flos indaga mondi ancestrali e inesplorati che emozionano, illuminati da una magia scaturita dal loro stesso cuore. E tutto nasce perennemente dalla memoria storica, mai tradita ma preservata intatta come un bagaglio di inestimabile valore, custode di esperienze indimenticate, fonte inesauribile di suggestioni da riservare al design del futuro.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto

Dalani incontra il mito

Non esiste lampada di Flos che non racconti una storia, non esiste una luce senza magia. E’ per questo che il cuore dell’azienda è la sete di bellezza del “designer artista” che dà vita alla sua creazione. Il progettista è egli stesso parte dell’iconicità della sua idea: fa scuola in questo Philippe Starck, che con intelligenza imprenditoriale indica una via nuova per l’ampliamento del mercato mondiale. Sono proprio le sue intuizioni, da già affermatissimo interior designer, ad accompagnare Flos nel nuovo secolo. Dalani oggi incontra il mito e orgogliosamente vi presenta D’E-Light, firmata proprio da Starck: una lampada in cui tradizione e tecnologia si fondono insieme creando un oggetto protagonista del tempo moderno, funzionale ed elegantissimo. Un po’ lampada, un po’ carica batteria: D’E-Light unisce la funzione primaria di punto luce a quella di dock-station. Da una parte, una pratica e tecnologica lampada da tavolo, in alluminio pressofuso cromato, studiata per avere un flusso luminoso orientabile e regolabile. Dall’altra, un apparecchio studiato per ricaricare i idevice: iPhone, iPod, iPad possono essere ricaricati dopo essere stati semplicemente appoggiati sul diffusore. Il segreto? La performance non si esaurisce: D’E-Light funziona anche se spenta. Infatti, le migliaia di progetti e la sua fama internazionale non devono mai distrarre dalla visione fondamentale di Philippe Starck: la creazione, plasmata in qualunque forma, deve migliorare la vita del maggior numero di persone possibile.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto

Ma cos’è la tecnologia senza la tradizione? Come Flos insegna, la storia è un valore imprescindibile da proteggere e da cui costantemente trarre nuove suggestioni. E’ per questo che Dalani decide di proporre la D’E Light in coppia speciale con una lampada iconica e universalmente riconosciuta: la banker’s lamp, uno dei primi esempi di lampada elettrica, inventata nei primi dell’Ottocento. Con una base in solido ottone e un paralume in vetro verde, fu pensata come lampada da lavoro, per illuminare le scrivanie degli impiegati di banca che passavano ore e ore chini su fogli di numeri scritti in calligrafia minuta. Goldman, che non a caso evoca il nome di una celebre banca d’affari, segna un passaggio evolutivo nelle tradizionali banker’s lamp: un’iniezione di alta tecnologia declinata in un gioco di linee sottili ed eleganti. La firma è quella di Ron Gilad, un’instancabile inventiva che accosta l’ingegno concreto al gioco estetico, posizionandosi sulla sottile linea di confine fra l’astratto e il funzionale, tra ricordo e presente.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto

Con il termine “famiglia” Flos ama indicare l’insieme delle varianti di una stessa idea: di molte lampade vanno in produzione gli esemplari da tavolo, da terra, a sospensione e a parete che conservano intatta l’ispirazione iniziale. Ne è un esempio la linea Ic Lights disegnata da Michael Anastassiades. “Il mio lavoro nasce da un’idea di sottrazione. Perché un oggetto spogliato e riportato alla propria nuda essenzialità è l’ultima, definitiva espressione della bellezza.” Il potere mistico e sensuale della luce esplode così, in questa collezione di sagome luminose che hanno la grazia poetica dell’arte e dell’armonia astrale. Uno stelo di ottone satinato e, in cima, in bilico, come fosse in procinto di scivolare via, una sfera in vetro ridotta all’essenzialità. L’apparente instabilità si ispira alla stessa apparente spontaneità di uno spettacolo circense, in cui un giocoliere si esibisce danzando con le sue sfere. Equilibrio, fendenti nell’aere, l’incanto delle mani: basta poco a far scoccare la scintilla dell’ispirazione. La creatività di Anastassiades ha immobilizzato le sfere magiche rendendole di una bellezza pura e incontaminata. Eterna. Un altro segreto svelato.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto
Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto
Foto 1: ©Beppe Brancato

Poesia allo stato puro, ma non solo. Con ironia e inventiva si ottengono opere dal carattere rivoluzionario che sanno stupire e affascinare ogni generazione. Come la linea di lampade Tatou, di Patricia Urquiola. Tatou, che dal francese vuol dire “Armadillo”, somiglia al curioso mammifero per la forma del guscio protettivo. Allo stesso modo la lampada protegge gli occhi dalla luce diretta grazie alla sua calotta traforata. Gli elementi intrecciati tra loro si ispirano ai disegni delle armature giapponesi, un mix sapientemente equilibrato di vigore e delicatezza. Il design un po’ retro’ e un po’ esotico  diffonde la luce direttamente verso il basso e verso l’alto e da essa si lascia attraversare, modellandola in un gioco armonico di luci ed ombre. La leggerezza estetica del paralume ne proietta il disegno reticolato e dinamico sulle superfici vicine.

Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto
Dalani, Flos, Arte, Design, Made in Italy, Segreto

Nel cuore del Made in Italy

Oltre i confini di qualunque moda, Flos ha saputo resistere al mutamento storico e stilistico avvenuto nel corso dei decenni mantenendo inalterati i suoi obiettivi fondamentali. L’attenzione alla qualità massima, la ricerca di oggetti iconici e la mediazione tra intuito artigianale e lavorazione tecnologica, ma con in più uno sguardo particolare alle idee del designer. E’ solo così che l’oggetto industriale, nonostante l’avvento di sempre nuove tecnologie, non smette di raccontare la passione, la dedizione e l’amore per l’arte che l’hanno generato. Si può riassumere in questo modo il segreto di un’azienda che dei valori quali il talento, la ricerca e la cultura ha fatto la propria chiave del successo.  Un vero segreto style. Una realtà internazionale che ha portato il Made in Italy a livelli altissimi di eccellenza e profondo rispetto senza perdere il senso poetico e più profondo del modellare la luce pura. La dimensione romantica, visionaria e leggera dell’illuminazione di design diventa il trampolino di lancio per le invenzioni del domani. Eterne icone di luce.

Foto: Ufficio stampa Flos / living4media

Cristina Allegretto

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App