Marilyn Monroe - Oltre al mito c'è di più

Marilyn Monroe, alias Norma Jeane Mortenson, nasce a Los Angeles il 1 giugno del 1926. Un’altra grande icona di Hollywood al suo 90esimo compleanno, un altro mito del cinema dalla vita turbolenta e dai mille volti, tutti da raccontare. La sua è una storia allo specchio. La fragile e insicura Norma Jeane, riflessa nella grande Diva Marilyn. Dalani vi racconta il dietro le quinte di un personaggio chiave del XX secolo. Oltre al mito c’è di più.

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

©Isabel Santos Pilot 2011

Il cinema ha una nuova stella: Marilyn Monroe

Norma Jeane, dopo una giovinezza turbolenta, tra orfanotrofi, affidi e diversi problemi familiari, viene notata dal fotografo David Conover, durante un servizio all’interno di un’industria di paracaduti (venne eletta per l’occasione Miss Lanciafiamme). Appena diciottenne, inizia a lavorare come modella. Da qui il salto verso il fatato mondo del cinema con il film Niagara (1953) e la sua definitiva consacrazione nel firmamento di Hollywood. Considerata il primo vero sex symbol al femminile, Marilyn conquista proprio tutti (tranne la critica), con i suoi tratti da Diva, un vero diktat per la moda e il costume. I capelli corti, biondi e vaporosi, l’eyeliner, il vitino da vespa e le forme importanti sono un modello ancora molto copiato da tantissime star e celebrità.

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

©Allison Marchant 2005 -2006

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

©BJ Alias 2013

Regina delle copertine, inizia a farsi chiamare Marilyn Monroe nel 1946, anno del primo divorzio e del cambio radicale del suo look. Tanti gli amori falliti e celebri i pettegolezzi sulla presunta relazione extraconiugale con il Presidente Kennedy. Il suo “Happy Birthday Mr President” è entrato nella storia.

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

Marilyn con il Presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy e il fratello Robert Kennedy al Madison Square Garden New York, in occasione del 45esimo compleanno del Presidente – ©Cecil W. Stoughton

Marilyn Monroe: la diva di Hollywood

Bomba sexy in Niagara, tanto bella quanto determinata ad uccidere il marito, comica e leggera in Come sposare un milionario, capricciosa in A qualcuno piace caldo e infine, il ritratto dell’oca bionda e svampita in Gli uomini preferiscono le bionde e Quando la moglie è in vacanza. Con lei Hollywood lancia la dumb blonde: la figura della bionda poco istruita e molto seducente, vestita con abiti succinti e dal movimento ancheggiante. Uno stereotipo della cultura europea e americana fin dal XVIII secolo, fortemente enfatizzato da Hollywood e protratto a tempi più recenti con Goldie Hawn. Un clichè che la vede ritratta sulle copertine di mezzo mondo, fino agli ultimi mesi di vita, con il film Something’s got to give, in cui Marilyn appare nuda in piscina. Una pellicola incompiuta, diventata nel 2001 un documentario sulla sua morte: Marilyn Monroe: The Final Days.

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

©Metropolitan Transportation Authority of the State of New York

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

Marilyn durante le riprese del film: Quando la moglie è in vacanza ©Ana Carolina Braga 2008

Marilyn Monroe: una donna e le sue paure

I suoi esordi come modella, le foto ritratta a praticare sport maschili (un fatto poco apprezzato dalla società del tempo) e le provocanti mise con cui si presenta agli eventi di gala. Il suo personaggio ha sempre destato scalpore. Un ruolo che nel corso degli anni e dei film ha cambiato spesso connotazione pur rimanendo fedele a se stesso. Un modus vivendi indossato da una donna fragile, fortemente impaurita dal palcoscenico e poco apprezzata dalla critica, nonostante le grandi doti di recitazione comica e drammatica, per le quali non è mai stata candidata agli Oscar. In realtà Norma Jeane è una donna depressa e dalle forti carenze affettive, pronta a buttarsi tra le braccia di uomini sbagliati e a collezionare diversi matrimoni falliti. Il suo più grande rimpianto? Non aver avuto figli. I numerosi aborti spontanei la mettono a dura prova, anche a livello lavorativo. La psicoanalisi e il rapporto viscerale con il suo psicoanalista, ritraggono il volto di una donna fortemente instabile, incapace di recitare una battuta a memoria e totalmente inaffidabile sul set, tanto da essere addirittura licenziata. La sua è una personalità controversa e forte di una profonda personalità. E forse, è proprio questo il perché di tanta sofferenza nel patinato universo di Hollywood.

dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

©Antonio Marín Segovia 2013

Marilyn Monroe: musa dell’arte

Considerata una figura di riferimento della cultura pop del XX secolo, Marilyn affascina da sempre il mondo dell’arte e della fotografia. Il padre della Pop Art, Andy Warhol, nel 1962 la ritrae in una serigrafia, Four Marilyns. La tecnica di Warhol consiste proprio nel riprodurre un’immagine in più copie, fino alla totale perdita di significato. La grande Diva perde l’anima e diventa un prodotto di consumo nella società di massa.

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

©http://pictify.saatchigallery.com/

Un’altra figura emblematica associata al mito di Marilyn è il fotografo americano Bert Stern. Suoi i circa 2500 scatti raccolti nell’opera: Marilyn Monroe: The Complete Last Sitting (1992), realizzati a Los Angeles per la rivista di moda Vogue, qualche settimana prima della morte dell’attrice. La sua fotografia, definita dal New York Times: “rivoluzionaria per la sua semplicità”, ritrae una Diva al naturale, coperta solo da veli trasparenti.

Dalani, Marilyn Monroe, Arte, Cinema, Hollywood

©http://www.lab.leica-camera.it/ – Bert Stern: Contact Sheet; 1962

Oltre il mito: la Mostra a Torino

Marilyn Monroe: La donna oltre il mito è la mostra di scena al Palazzo Madama di Torino, dal 1 giugno al 19 settembre 2016. Una narrazione continua racchiusa in 150 oggetti personali, tra vestiti e accessori, pellicole cinematografiche, lettere, oggetti di scena e tantissime foto della Diva più iconica di sempre.

Sognate in grande, non c’è altro da fare. Per quanto ne sappiamo, ci è concessa una sola occasione, quindi abbandonate le vostre paure e vivete i vostri sogni.

Marilyn Monroe

Stefania Tagliaferri

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App