Scrigno delle meraviglie

“Wabi-sabi”: letteralmente, la bellezza dell’imperfezione. Propria del mondo giapponese, l’espressione deriva dall’unione di due caratteri in cui “Wabi” evoca il concetto di bellezza naturale, mentre “Sabi” è la bellezza legata al passare del tempo, come le rughe che disegnano il volto di una donna, o il fascino dell’usura che ricopre gli oggetti. Tale visione, spesso definita come “bellezza imperfetta, impermanente e incompleta”, si fonda sull’accoglimento della transitorietà delle cose. La nostra Style Director, Margot Zanni, ha incontrato chi ha saputo catturare l’essenza di questa filosofia in uno scrigno, rivisitandola attraverso il design. Venite a scoprire il segreto per trasformare l’inesorabile scorrere del tempo in uno stile al passo con le ultime tendenze!

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

La delicata malinconia che si prova nell’incontrare una bellezza pura ed incontaminata e che prende forza dall’inesorabile passaggio del tempo, è una serena nostalgia, un dolce dolore che si compie nella comprensione del grande potere ammaliante dell’imperfezione. Wabi-sabi è un grigio paesaggio di Dicembre, la vernice screpolata su un oggetto a casa della nonna, una crepa sulla propria tazza preferita, uno scrigno in latta impossibile da chiudere a causa delle ammaccature.

Dal Wabi-sabi al Raw Style

Non a caso, gli oggetti Wabi-sabi sono spesso confusi con quelli rustici, perché così appaiono al primo sguardo: asimmetrici, grezzi, semplici, realizzati con materiali naturali, dalle superfici ruvide e irregolari, di colore non uniforme. Dal teatro al food, dalla moda al design, passando attraverso l’architettura e l’arte: questa filosofia di vita si sta trasformando in una tendenza vera e propria. Un ritorno alle origini che celebra l’imperfetto, il non finito, il nudo e crudo, per dirlo con un’unica parola: Raw. Non ci sono trucchi né inganni, non si interviene su cromie e ammaccature, si gioca al riuso e alla rivalutazione. Un ritorno alle origini che non si esaurisce però nel semplice stile vintage. Non è shabby, non è rustico, non è retrò. Nel Raw c’è un particolare valore aggiunto, uno sperimentalismo che accosta le cose della natura a elementi di design, creando un effetto straniante e provocatorio. L’esito è del tutto nuovo ed imprevedibile, uno scrigno delle meraviglie in cui i naturalia fanno sfoggio di sè accanto ai mirabilia.

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

Dalani scopre uno scrigno nel cuore di Milano

Lo stile Raw lo conosce bene Paolo Badesco che, dopo la prima boutique in corso Magenta a Milano, inaugura un nuovo spazio nel dinamico Brera Design District, in collaborazione con Costantino Affuso. Avete già intuito il nome del concept store? Ovviamente, Raw! E’ proprio nella Montmartre milanese che veniamo accolti noi di Dalani, con i nostri occhi carichi di delicata meraviglia e le domande colme di instancabile curiosità. Varcata la soglia, come fossimo nella botola di Alice, ci ritroviamo in un universo non ordinario, in cui oggetti di epoche e luoghi diversi si contaminano a vicenda creando un luogo scandito da un’alchimia senza tempo. E’ proprio Costantino Affuso a farci strada dietro le quinte di questo palcoscenico dal fascino ricercato e decisamente inaspettato in cui tutto traspira di una ricca ed appassionata ricerca.

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

Chi è Costantino Affuso

Costantino è lucano di nascita ma ha studiato e vissuto a Firenze, dove ha conseguito la laurea in architettura. Milano è stata l’occasione per approfondire il mondo degli interni grazie soprattutto alla collaborazione pluriennale con lo Studio Paolo Badesco Interior Design. La sua passione principale sono però Dylan e Paco, i setter irlandesi che lo seguono ovunque. “La verità? Vivo in questa città europea e dinamica, ricca di stimoli ed occasioni. La Basilicata fa ancora parte del mio presente, è lì che sono custoditi i miei affetti, i miei ricordi più cari. Una terra che ancora conserva la sua autentica genuinità e che mi regala, ogni volta che vi ritorno, nuova energia.” Dove incontrarlo a Milano? Nel caratteristico ristorante La Libera, nella storica Latteria San Marco o al parco in bicicletta. Il sogno nel cassetto? “Divulgare la filosofia del recupero non solo come trend o mera nostalgia del passato ma come mezzo per interpretare e intraprendere un vero e proprio stile di vita.”

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

Ma cos’è Raw? E’ il padrone di casa a raccontarcelo “Raw è soprattutto una passione. Il sodalizio tra la personalità creativa di Paolo e il mio background da architetto ci ha permesso di avviare un processo di ricerca, iniziato già al suo fianco nello studio di progettazione e proseguito nel primo store di corso Magenta. Il protagonista principale è il mobile vintage al quale è stato abbinato negli ultimi anni una selezione di oggetti di produzione contemporanea. I nostri sono pezzi unici provenienti da continui viaggi d’oltralpe, interpreti di un antiquariato recente e volutamente non restaurato.” Infatti in Raw nessun oggetto, per quanto antico, viene restaurato o privato della sua anima. Le superfici usurate dagli anni conservano le stratificazioni della storia, i segni del tempo diventano bellezza unica ed irripetibile.

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno
Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno
Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

Non solo vintage

Ci racconta Costantino “Preferiamo collezionare oggetti appartenenti alla fine dell’800 fino agli anni trenta del ‘900. Non si tratta di arredi nobili, a volte provengono persino da luoghi di lavoro dismessi. Il nostro obiettivo non è reinterpretarli a livello stilistico ma conferirgli un significato tutto nuovo. E’ così che un vecchio baule si trasforma in un tavolino o i pilastrini di una balaustra diventano atmosferiche abat jour. Molte volte sono gli oggetti a trovare noi arrivando nelle nostre mani in maniera del tutto inaspettata.” Il design contemporaneo non manca: nelle tre ampie vetrine l’oggi balla un sensuale valzer con il passato.

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

Il punto di arrivo di Raw è creare un’atmosfera in cui l’oggetto è libero di muoversi: costruire un contesto è il miglior espediente per raccontare una storia. Lo showroom segue il ciclo delle stagioni, cambiando veste e umore a seconda delle tendenze e dei temi sognati dai due registi di casa. Ci confida Costantino “Non nascondo che ci piacerebbe investire di più sull’immagine per proporre oggetti disegnati e totalmente interpretati da noi.

Scrigno di design

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

Raw è un vero e proprio cabinet de curiosité, una wunderkammer in cui abbinamenti arditi si compongono come tessere magnetiche di un puzzle straordinario e irriproducibile. Nella camera delle meraviglie rinascimentale i collezionisti erano soliti collocare naturalia e mirabilia, oggetti provenienti dal mondo della natura e i mirabilia o artificialia. Come nei vecchi studioli manieristici anche in Raw la proposta è inedita, curiosa, allo stesso modo introvabile: elementi particolari caratterizzati da forme antropomorfe come animali, vegetali, farfalle, coralli e uccelli scaldano l’ambiente se accostati a prodotti manipolati e artificialmente plasmati dall’uomo. Cliccate sulle freccette per scoprire tutti i dettagli della nostra passeggiata nello showroom.

Ispirazioni, idee, consigli per rivoluzionare una casa in chiave Raw? Curiosate nella nostra gallery per scovare suggestioni e spunti inediti e originali. In Raw non è difficile cedere ai ricordi, lasciarsi andare ad una romantica nostalgia per epoche mai vissute e luoghi mai visitati, ma che sembrano materializzarsi tra gli evocativi profumi delle candele esposte. In questo luogo, rovistando tra oggetti che portano sulle spalle la pesante eredità della storia, può capitare di scivolare quasi per caso sulla propria madeleine. Basta seguire la scia di un colore, un profumo o un ricordo per ritrovarsi in un personalissimo scrigno incantato. Raw, oltre a rappresentare un vero e proprio unicum nel panorama milanese, è un’occasione straordinaria per riscoprire oggetti desueti che evocano altri mondi ma appartengono al bagaglio culturale di tutti noi. Oggetti e mondi che abbiamo destinato all’oblio. L’errore è infatti quello di sostituire con inconsapevole leggerezza arredi e complementi usurati con moderne prestazioni tecnologiche, correggere i difetti dei materiali vissuti, non vivere la vita degli oggetti che ci circondano e che vivono attraverso noi. Un imperdonabile istinto figlio del secolo contemporaneo.

Dalani, Design, Milano, Style, Ispirazione, Vintage, Raw, Scrigno

Ispirazione d’arredo

Prima di salutarci Costantino rivela a noi di Dalani il suo personalissimo vademecum di consigli da seguire per arredare casa:

1. L’arredo migliore per una casa è la luce. “Ai punti luce a soffitto come plafoniere e lampadari preferisco la luce soffusa delle lampade da tavolo, dai paralumi in tessuto che filtrano ed ammorbidiscono la luce fino a sfumare nella penombra degli angoli più nascosti. Giochi di chiaroscuro che però conservino una loro intrinseca naturalezza.”
2. Mai sottovalutare il potere d’arredo dei libri: riempiono lo spazio di vita e svelano l’identità del padrone di casa.
3. “Se si ha la fortuna di vivere in una casa d’epoca impegniamoci a far sopravvivere e a valorizzare quei connotati tipici della dimora quali parquet, infissi, stucchi, boiserie, cementine…”
4. Un segreto per le pareti? Vintage e retrò ma ultimamente tornata alla ribalta: la carta da parati. “Collaboriamo ormai da diversi anni con Wall&deco per la quale creiamo una collezione firmata Raw: negli usuali cambi di stagione, le pareti del nostro spazio si vestono con i nuovi soggetti di carta da parati. La NewMuseum ha avuto diversi riconoscimenti ed è ormai diventata la grafica che più ci rappresenta: nella trama a sfondo bianco si ripetono, con l’alternarsi delle mensole, gli oggetti a noi più cari, protagonisti della nostra collezione di mirabilia. La NewMuseum  stata anche pubblicata sul New York Times!”
5. “Le mie stanze da coccolare sono decisamente la cucina e la sala da bagno: sono il cuore della casa, le stanze più intime e calde. E’ un dovere per il perfetto padrone di casa non trascurarle mai!”
6. E’ fondamentale che in una casa gli ambienti sappiano comunicare tra loro: “Evito, quando è possibile, di realizzare spazi con rigide separazioni ma al tempo stesso è giusto che ogni ambiente conservi la propria personalità, sfumando l’uno nell’altro… Non mi piacciono le porte chiuse.”
7. Gli abbinamenti cromatici sono fondamentali: “Se opportunamente dosati i colori contribuiscono al benessere di chi vive la casa. In generale amo i colori caldi e naturali, ma devo ammettere che i colori chiari, soprattutto negli ambienti accessori, sono più funzionali e versatili.”

Intervista: Margot Zanni
Testo: Cristina Allegretto
Foto: Francesco Romeo per Dalani

Cristina Allegretto

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App