Aristocratici interni

Un ingresso spettacolare caratterizza questo lussuoso appartamento di Barcellona ristrutturato ad hoc da Bruno Reymond. Una casa colma di arte e pezzi iconici come la poltrona di Karelia Liisi Beckmann e la poltrona Zanota in stile svedese a fianco di una credenza anni ’70. Sullo sfondo, un giovo di specchi e finestre.
 

Istinto animale

Una enorme testa di elefante, dipinta con la vernice per le automobili, accoglie i visitatori in una sala tappezzata di pelle di mucca. Sullo sfondo, nel salone, un sinuoso separè modulare in metacrilato si fonde con il total white dei mobili contemporanei.

arredamento elefante

 

Colpire nel segno

Un tappeto su misura oversize delimita una zona della stanza, vestita di bianco puro. Classici contemporanei come la sedia Felt di Marc Newson per Capellini e la poltrona Eames per chiudere con una coppia di divani all’insegna del non colore.

salotto bianco

 

Gioielli decorativi

Il parquet, la libreria e il soffitto a cassettoni (elementi della casa originaria) fanno da sfondo a veri e propri gioielli d’arredo. Lo stile è l’audacia di mescolare pezzi totalmente etnici con le opere di arte contemporanea di Jean Pierre Rives e mobili retrò.

gioielli aristocratici

 

Accenti scandinavi

Classicismo, etnico, arte convivono con elementi di design svedese degli anni Settanta come la sedia in pelle marrone. La sala da pranzo, isolata da porte scorrevoli, sottolinea la differenza di stile con la stanza adiacente. Il tavolo in legno vivo ne è il primo esempio.

scandi aristocratici

 

Foto in mostra

Protagonisti della stanza sono le due fotografie Nomad Series di Russell James che impongono su tutto la loro presenza nella stanza arredata da sedie anni Settanta e un grande tavolo balinese. La lampada proviene dallo studio di Bruno Reymond. Anche in questo caso prevale il contrasto del bianco-nero.

foto aristocratici

 

Cucina anni settanta

A chi non viene in mente un tipico appartamento anni Settanta guardando le piastrelle, il pavimento del terrazzo e le sedie in acciaio? Il contrasto si ottiene dal rosso vivo dell’opera appesa di Alexander H. La cucina in laccato nero è di Smeg.

cucina anni settanta

 

Suite di lusso

Tre ambienti si incontrano in questa suite VIP. La camera da letto, il soggiorno e l’ufficio. In questa ultima zona si lavora con la Bubble Chair di Eerio Arnio e la sedia Lago di Philippe Starck. Sullo sfondo, un ingresso teatrale in una stanza con eleganti decorazioni in bianco e nero.

suite interni

 

Bicolor

Probabilmente, se non ci fosse stati il parquet anticato, sarebbe apparso un bellissimo appartamento anni ’60 ma con qualcosa di glaciale. Il calore del legno è il minimo comun denominatore che avvolge uno stile dominato da mobili contemporanei nei toni del bianco e del nero.

black and white

 

Il bello del nero

Colore immancabile per l’abbigliamento, il nero, ha conquistato anche la decorazione. Come questo bagno lussuosissimo ricoperto da piastrelle in gres nero ebano. La modernità del colore è attenuata dalla coppia di specchi veneziani acquistati ad un’asta.

bagno nero

 

Arredare con amore

Se c’è un particolare che spicca in questo appartamento è l’emozione che ogni ambiente riesce ad evocare. L’interior design è tipicamente aristocratico ma senza pretesi audaci o lussi eccentrici. Solo opere d’arte, classici moderni e un uso impeccabile del colore caratterizzano il duplex di Barcellona. Stanze cariche di entusiasmo come il bianco della sala da pranzo, le cromie bicolor della camera da letto e lo spazio aperto della zona living.

“Per un breve, splendido momento, abbiamo avuto Camelot.“
Jacqueline Kennedy

 
 
 

Testo: Margot Zanni
Foto: Montse Garriga

Margot Zanni

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App