Le ricette di Tessa Gelisio

In casa Gelisio, il Natale è una fiera delle tradizioni, dove protagoniste sono la cucina di Toscana e Sardegna, le terre d’origine della sua famiglia. Un “Natale con i tuoi”, come da copione, in cui la conduttrice di Cotto e Mangiato ritrova genitori e parenti nella sua casa vicino a Livorno. Spazio per le ricette di famiglia ma anche per qualche esperimento con il patto di assaggiare senza esagerare: “con la giusta misura ci si possono regalare un sacco di sfizi a tavola”- spiega- “senza sentirsi in colpa: la cosa che invece non tollero, a Natale come negli altri giorni dell’anno, sono gli sprechi”. Del consumo intelligente e consapevole, nel rispetto della territorialità delle materie prime e di un atteggiamento ecologicamente corretto, Tessa ha fatto la sua bandiera.

Tu che giri l’Italia e il mondo in lungo e largo con Pianeta Mare, ma ci tieni compagnia con le ricette di casa tua, per Natale cosa scegli: tavola cosmopolita o cibi di famiglia?

Cibi di famiglia. A casa vince la casa. Con qualche idea, da sperimentare di volta in volta, magari riciclando gli avanzi delle pietanze preparate in abbondanza per le feste comandate. Il segreto è non creare mai un contrasto troppo violento. Le convivenze forzate non piacciono a nessuno. Bisogna, sempre, naturalmente, mettere tutto sul piatto della bilancia e capire qual è il trait d’union tra le cose che già abbiamo e alle quali siamo affezionati e quelle che possono lasciar spazio a nuove idee.

Tessa Gelisio cibo

Come rendere elegante e moderna una tavola natalizia senza perdere la tradizione?

Ci sono cose a cui non è bello rinunciare. Oggetti che ti accompagnano dall’infanzia, scesi dalle soffitte apposta per Natale. Si può cambiare l’impatto anche magari aggiungendo qualche variabile: è sufficiente un tovagliolo colorato a cambiare l’immagine di tutta la tavola. Come nell’abbigliamento, io sono una fedelissima alla massima che dice che gli accessori sono la punteggiatura dello stile. Anche a tavola una bella tovaglia bianca, semplicissima o rossa, da usare giusto a Natale, può essere la base che si spolvera di anno in anno e sulla quale merita investire in qualità.

Tessa Gelisio libro

Design o artigianato?

Design e artigianato, direi. Il giusto mix, anche se per me il patrimonio artigianale della nostra Italia ha un fascino che nessun prodotto industriale può raggiungere. La funzione, ad esempio, giustifica un mix and match a contrasto: se abbiamo le forchette e i coltelli di casa, possiamo aggiungere lo spalma-burro di design oppure il secchiello dello champagne in una forma particolare. Ma anche il colore o il materiale può far “dialogare” due stili appartenenti a momenti e pensieri diversi.

lasagna carciofi

Dai tuoi viaggi cosa porti sulla tua tavola?

Le idee, non sono una che fa il pieno di shopping, preferisco scattare una foto, assaggiare un piatto e rivisitarlo a casa con calma. La tavola poi, è spesso il risultato delle nostre memorie, dei ricordi di viaggio. A me piace pensarla così.

Tessa Gelisio tavola

Ti sei schierata in modo netto contro i cibi di importazione…

Non contro il cibo di importazione come punto preso, ma con quello che sulla coscienza ha vite umane o litri e litri di carburante per arrivare nelle nostre tavole. I prodotti del commercio equo e solidale, ad esempio, sono eticamente garantiti. Per altri aspetti, poi, non ne vedo il motivo. Tra i cibi natalizi una buona trota salmonata, delle nostre acque non ha nulla da invidiare a un salmone che deve fare troppa strada per raggiungerci.

Tessa Gelisio pesce

Cosa non deve mai mancare per te in casa, per farti sentire a casa?

L’atmosfera, che non è fatta solo di cose, ma anche di piccole attenzioni: la giusta luce, una bottiglia del nostro vino perché non manchi mai un brindisi alla vita, un divano comodo e una cucina attrezzata. Anche piccola, come la mia, ma dove è possibile scatenare tutta la fantasia.

Piatto di pesce
Testo: Nicola Santini
Foto: Dalani

Margot Zanni

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App