Il biglietto d'invito perfetto

Il biglietto d’invito al matrimonio è una delle ultime fasi dell’intera organizzazione. Deve rispecchiare l’intero evento e rifletterne i colori, i temi, l’ambientazione, spiega Marie Antoinette (alias Biancamaria Calderoni), wedding planner piacentina ed esperta di buone maniere legate al giorno del fatidico si. Ciò che conta è essere semplici e avere grande attenzione per i dettagli e buon gusto. Ecco quindi alcuni piccoli consigli per realizzare il miglior biglietto d’invito al matrimonio, perché ciò che conta è annunciare nel modo corretto il giorno più bello della propria vita.
 

Il necessario per iniziare

Per cominciare la scelta del tema. E’ un punto molto personale, tutto basato sull’ispirazione e i gusti personali degli sposi. Il tema è il filo conduttore per la realizzazione di tutte le comunicazioni legate alla cerimonia. Oltre al biglietto vero e proprio esistono altri elementi tutti da coordinare: il libretto per la funzione religiosa, il tableau de mariage, il menù, il biglietto per le bomboniere e il ringraziamento sono i principali.

il necessario

Le forme e i decori

Le tendenze degli ultimi anni parlano di una base a forma quadrata e di una grandezza massima di 15 cm, da utilizzare semplice o a libretto. Si possono applicare nastri in raso, pizzo o gros grain, per un effetto regale ed elegante, cordoncini naturali per uno stile rustico, nastrini ricamati a mano o aggiungere una copertina trasparente come decoro. Le iniziali sono il dettaglio più gettonato. Si inseriscono agli angoli, stampate a secco o a sbalzo o su piccoli adesivi, utili come chiusura del biglietto stesso.

forme e decori

La carta e i colori

Esistono diverse tipologie di carta. Dalla tradizionale, liscia e semplice, alla carta telata, ruvida e setosa al tatto, fino alle varie carte riciclate e in fibra naturale. Importante è avere sempre una base chiara color bianco o avorio e in linea con il colore scelto come tema della cerimonia. Per un matrimonio rustico, una buona idea è scegliere toni naturali come il beige. Per temi più chic, è di gran moda scegliere la palette dei blu e azzurri, come il Tiffany. Negli ultimi anni si è optato per il lilla e il rosa, mentre la nuova tendenza è il verde, nelle sue mille sfumature.

carta e colori

La scrittura e la busta

La scrittura è da realizzare esclusivamente a stampa. I toni non devono contrastare la base. Meglio quindi escludere il nero e preferire varianti più morbide come tortora, seppia e grigio, per un effetto più dolce e delicato alla vista. La scrittura a mano, realizzata da esperti calligrafi con penna stilografica, è possibile, per uno stile che non passa di certo inosservato. La busta è d’obbligo. Si chiude a incastro, con adesivo o con sigillo a ceralacca secondo tradizione.

busta

Il contenuto

Una volta erano gli stessi genitori ad annunciare le nozze dei figli, apparendo con i loro nomi sul biglietto. Una tradizione che va scomparendo, data l’età sempre più avanzata degli sposi e le tante convivenze, spiega Marie Antoinette. Oggi l’invito si divide in partecipazione alla cerimonia e invito al ricevimento , da consegnare insieme. Non devono mai mancare i nomi e i cognomi di entrambi gli sposi, data, luogo e orario della cerimonia, l’indirizzo della casa comune e delle due di origine e alcune frasi di rito da mantenere semplici e coincise.

tiffany & co

Il galateo di consegna

Il galateo vuole che la consegna del biglietto avvenga almeno due mesi prima della data, quasi sempre a mano. Da evitare in ogni caso, è l’indicazione di codici bancari o l’aggiunta di biglietti da visita di liste nozze e agenzie viaggi. E’ consuetudine infatti comunicare a voce le intenzioni degli sposi circa l’argomento regalo. Dagli Stati Uniti, sta arrivando anche da noi il Save The Date, un’idea divertente e insolita per ricordare agli invitati di non prendere impegni il giorno della cerimonia.

consegna

Ultime tendenze e novità

Spazio alla creatività per effetti sempre nuovi e inaspettati. Si possono scegliere supporti diversi dalla carta, come plexiglass e legno, oppure optare per biglietti che si trasformano in originali origami, utili anche come segnalibro. Idee più multimediali vedono protagonisti il web, con inviti spediti via e-mail o realizzati in stop motion, un breve cortometraggio che racconta la storia degli sposi. Per rimanere in tema, ecco l’idea di Giovanni e Valentina e il loro Matrimonio coi Baffi.

ultime tendenze
Testo: Stefania Tagliaferri
Foto: Marie Antoinette

Margot Zanni

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App