Vuoi saperne di più? Leggi i nostri consigli

Kimono:scopri di più su Dalani

La cultura giapponese all’inizio fu fortemente influenzata da quella cinese ma, già a partire dal periodo Heian (794–1185 d.C.) , nacque uno dei capi di vestiario più rappresentativi per la cultura giapponese: il kimono. Che si tratti del classico vestito, di una camicetta o di una giacca, tutte sono caratterizzate da estrema comodità e bellezza.

Kimono: un rapido sguardo

Il kimono è un capo d’abbigliamento destinato ad essere utilizzato sia dagli uomini, sia dalle donne, che si differenzia nei due modelli semplicemente per la grandezza e per le stampe presenti su di esso. Ma anche questa differenza non è così rigida, poiché il kimono è generalmente così morbido ed estremamente annodato, che può essere adattato a qualsiasi coporatura. Ciò che veramente è decisivo, sono gli accessori. Le donne usano portare cinture molto elaborate, mentre gli uomini una cintura molto semplice e sottile chiamata obi. Capi di vestiario come l’hakama, una gonna pantalone, o l’haori, una specie di giacca molto ampia e morbida, sono portati principalmente dagli uomini. Le donne completano l’abbigliamento con l’aggiunta di un cappellino grazioso e di una borsa.

Il kimono raggiunse una notevole fama soprattutto per mezzo della tradizione delle geisha. Queste erano delle intrattenitrici che lavoravano all’interno di sale da tè situate nei quartieri del divertimento giapponesi, dove si occupavano appunto di intrattenere gli ospiti per mezzo delle diverse arti giapponesi che padroneggiavano.

Il kimono in giro per il mondo

kimono

Accanto agli elaborati kimono delle geisha, c’è anche un altro tipo di kimono che ha conquistato le persone di tutto il mondo: lo yukata. Esso è la versione informale ed estiva del kimono, realizzato in cotone, lino, canapa o seta. Esso è nettamente più semplice e veloce da indossare, per questo motivo viene principalmente utilizzato dai giapponesi per attività ricreative, come i mercatini annuali o per il bagno. Lo yukata viene anche utilizzato come accappatoio o pigiama ed è stato adottato con questo scopo anche in occidente. Questo tipo leggero di kimono è particolarmente adatto come accappatoio durante le calde giornate estive, soprattutto se in cotone, regalando un fresco e morbido piacere dopo il bagno. Ma lo yukata è ottimo anche se utilizzato come vestaglia, in ragione della sua semplicità e della sua bella fattura. Mettere il kimono, sedersi comodamente a tavola e bersi un bel caffé, così inizia una buona giornata!

Quello che oggi viene venduto come yukata o kimono, si distacca molto dai tradizionali abiti giapponesi. Solo il taglio e la fasciatura ricordano molto il kimono tradizionale. Da notare è che il kimono non è presente solo nel classico modello in raso decorato con stampe cinesi, ma anche corto oppure più lungo in poliestere o jacquard.

Con un kimono di alta qualità ci si porta a casa un capo d’abbigliamento unico e versatile, dotato di notevole raffinatezza.

Offerte in arrivo