Sommelier

Sommelier

Condividi

PARLANO DI NOI
Vuoi saperne di più? Leggi i nostri consigli

Sommelier:scopri di più su Dalani

Un grembiule nero, il tastevin al collo, e una dolce melodia lounge che accompagna i movimenti dispensati con sapienza e solennità. Irresistibile rubino, sfumature intense e l'aroma balsamico e corposo che aspetta solo d'esser decantato da colui che conosce i segreti del vino. E' il sommelier, che eleva gli animi e i pensieri attraverso percorsi sensoriali inaspettati.  

Il mestiere del sommelier

Il sommelier è una professione particolare, intrisa di fascino, e più che un vero lavoro è una vera e propria passione. Nell’immaginario collettivo è il guru del prodotto vinicolo, che degusta e analizza le qualità della bevanda abbinandola armoniosamente e con gusto impeccabile alle prelibatezze culinarie più affini .

Il mestiere del sommelier si condensa in due fasi: la prima dietro le quinte, nel fascinoso mondo della cantina vini, che gestisce con la massima cura provvedendo alla selezione e all’assortimento dei vini che saranno attentamente calibrati sulla base della filosofia gastronomica del ristorante. La seconda invece, si svolge sul palcoscenico dei calici e delle sontuose portate, e si riconduce al momento in cui il mago dell’enologia  guida gli ospiti alla scoperta di percorsi organolettici.

Il profilo del sommelier si distingue da quello dell’assaggiatore di vino, seppure queste due figure siano accomunate dallo stesso bagaglio enologico. L’attività dell’assaggiatore si focalizza prevalentemente sul giudizio tecnico e sulla qualità: egli è l’esperto, capace di captare l’essenza del vino sulla base di esami sensoriali che coinvolgono l’odore, il profumo e il sapore della deliziosa bevanda. Il sommelier invece, con quel suo grembiule e il fascino di chi custodisce i segreti di un’antica arte inaccessibile, va oltre il mero processo di analisi raccontando il vino attraverso un percorso che accarezza tutti e cinque i sensi, coniugando tecnicismi e linguaggio poetico.

sommelier

Gli strumenti di lavoro

Insieme alla capacità di trasmettere emozioni enologiche, e di narrare i segreti che dalla vigna alla cantina contraddistinguono ogni buon calice di vino, il sommelier deve rispettare alcuni diktat, che spaziano dagli strumenti al dress code, sempre impeccabile e curato nei minimi dettagli.
Icona per eccellenza dell’assaggio del vino, il testevin è un accessorio immancabile per il sommelier, e denota anche la sua disponibilità a servire gli ospiti. Se il professionista del vino è in servizio infatti, la piccola ciotola in metallo argentato sarà posizionata normalmente; quando invece il sommelier termina il suo turno appenderà la coppa metallica al taschino della giacca.

Lo strumento principe di colui che racconta le emozioni del vino è però il cavatappi protagonista assoluto nel catartico momento dell’apertura della bottiglia. Di tipo tascabile e dotato di un’estetica sobria ed elegante, il fedele oggetto che schiude il mistero enologico liberando aromi fruttati e e note di sottobosco, è dotato di lame, vite autofilettante e dente d’appoggio per l’estrazione.

Altrettanto importanti per l’attività del sommelier sono poi il frangino e il termometro. Il primo è un piccolo tovagliolo bianco, di cotone pregiato, che si utilizza per appoggiare la bottiglia sul tavolo e rimuovere le lacrime dopo aver versato la bevanda nel calice.
Il termometro invece, stabilisce se la temperatura è corretta e adatta alla qualità del vino che si sta per assaporare.

Dress code a prova di assaggio

Completa il tutto l’abbigliamento, sempre impeccabile e soggetto a norme ben precise che però consentono anche lo strappo alla regola.
Il dress code più comune che si ritrova anche nell’immaginario collettivo è senza dubbio lo smoking, ma in occasioni particolari come le cerimonie, non è inusuale vedere il sommelier girare per i tavoli avvolto in un elegantissimo frac.
In circostanze meno formali invece l’outfit ammette anche l’utilizzo di un grembiule lungo e nero abbinato ad una camicia.

Trascorre il tempo guidando gli ospiti lungo sentieri organolettici in cui l’unica regola è abbandonarsi al piacere dei sensi. Passa la vita assorbendo sensazioni ed emozioni che derivano dai colori, dagli aromi e da quei sapori che nascono dalla terra e finiscono in un bicchiere. Sommelier.. profumo d’incanto e di poesia.

Offerte in arrivo