Vuoi saperne di più? Leggi i nostri consigli

Alfred Eisenstaedt:scopri di più su Dalani

Fotogiornalista di fama mondiale, immigrato negli USA per scappare della Germania nazista e autore di scatti che sono entrati nella storia. Alfred Eisenstaedt è stato più di un grande uomo e di un eccellente fotografo: Dalani vi racconta la sua appassionante vita, per un viaggio indietro nel tempo a base di fotografia e arte. Lasciatevi ispirare!

Alfred Eisenstaedt: gli esordi

L’importante non è la fotocamera, ma l’occhio – Alfred Eisenstaedt

Iconiche fotografie in bianco e nero, immortali come i personaggi che vi sono ritratti. Tutta la vita di Alfred Eisenstaedt è stata impegnata nel cercare di cogliere l’attimo perfetto, il momento giusto in cui luce e prospettiva danno vita a scenari unici capaci di raccontare un epoca. Originario di una famiglia ebrea prussiana, Alfred Eisenstaedt si trasferisce a Berlino nei primi anni del Novecento, dove inizia a scattare le sue prime fotografie a soli tredici anni, grazie a una macchina fotografica ricevuta in dono. Mai nessun regalo fu più azzeccato: la passione per la fotografia e il desiderio di vivere alla ricerca dell’attimo perfetto lo accompagneranno per tutta la vita. Da un inizio come fotografo freelance per piccole testate tedesche, Alfred Eisenstaedt riuscirà ben presto a imporsi sulla scena artistica berlinese, grazie alla sua innata capacità di immortalare l’istante perfetto.

Alfred Eisenstaedt

Alfred Eisenstaedt: ritratti immortali

Più che i paesaggi, quello che affascina Eisenstaedt è la natura umana in tutte le sue sfaccettature: leggere ballerine in tutù, bambini sorridenti e operai al lavoro. Le immagini che lo resero più famoso sono i ritratti che fece ai personaggi più importanti dell’epoca: Marlene Dietrich, George Bernard Shaw, ma anche Joseph Goebbels e l’incontro storico tra Hitler e Mussolini. Fotografie in bianco e nero capaci non solo di affascinare chi le guarda, ma anche di mostrare il lato più umano dei soggetti, ritratti con le loro debolezze e i loro lati più nascosti. Alfred Eisenstaedt si impone in breve tempo come un fotogiornalista dal grande talento, capace di raccontare l’alienabilità della guerra senza mai perdere di vista i veri protagonisti: l’umanità tutta.

Alfred Eisenstaedt

Alfred Eisenstaedt sulle copertine di Life

Nel 1935 Alfred Eisenstaedt, a causa delle sue origini ebraiche, si rifugia in America: è l’inizio di una favola che lo renderà uno dei fotografi più celebri di sempre. Collaborò con la rivista Life fin dal 1936, anno della sua nascita: nei quarant’anni successivi porteranno la sua firma più di 90 copertine, molte delle quali entrate nella storia. Tutte le grandi celebrità del tempo volevano posare per Alfred Eisenstaedt, che era capace di immortalare la vera essenza della loro personalità. Sophia Loren, Marilyn Monroe, Bill Clinton e anche Albert Einstein: la bellezza della luce naturale, che scolpisce questi volti famosi, è una caratteristica tipica degli scatti di Alfred Eisenstaedt, vero pioniere della fotografia senza flash.

Alfred Eisenstaedt

Il Bacio di Alfred Eisenstaedt

Il nome di ogni artista viene associato immediatamente alla sua opera più celebre: nel caso di Alfred Eisenstaedt non si può non citare il suo scatto più famoso, che non ritrae i personaggi celebri delle copertine Life, ma due perfetti sconosciuti. V–J day a Times Square – conosciuto come il Bacio – è l’immagine-simbolo della carriera di Alfred Eisenstaedt: un marinaio americano, vestito di scuro, abbraccia appassionatamente e bacia sulle labbra una giovane infermiera vestita di bianco, nel mezzo della strada. Una scena apparentemente comune, se non si considera la circostanza: è il 14 agosto 1945, siamo a Times Square ed è appena stata dichiarata la fine della Seconda Guerra Mondiale. Un bacio spontaneo di pura felicità, che segna l’inizio di una nuova epoca: due volti sconosciuti che rappresentano un’umanità che torna a rivivere. Alfred Eisenstaedt giurò sempre di non conoscere il marinaio e l’infermiera della foto. Disse solamente: «io ho solo capito che era una scena bella da guardare».

Offerte in arrivo